Ministero Salute
Farmaci
Comunicati stampa
Farmacovigilanza

OsSC
Iss

Agenzia Farmaco

 

 
   
   
   
 

MONDO VALEAS
Chi siamo
Prodotti
Ricerca&Sviluppo
 

 
 

Cerca Congressi
Cerca Hotel
 
 
 
Farmacovigilanza
SIF

Lavora con noi
Contattaci
WebMail

     
     

Accedi alla mappa
interattiva





Società Medico Scientifiche affiliate FISM

 

 

 

 

 

 

 

PubMed






FDA
Emea

Federfarma
Fofi
24 ore Sanità
Eudravigilance

Farmaci
Italia
Svizzera
Germania
Francia

Dizionari
scientifico
consumatori

Chimica
chemfinder
webbook

Valeas S.p.A. Industria Chimica e Farmaceutica comunica quanto segue:

Ai Sigg. Grossisti, Farmacisti privati e ospedalieri, Direttori Farmacie Comunali
c.c.: Depositari Valeas 

Ogg.: Panacef 500 mg capsule rigide (A.I.C. 024227023)  

         
Panacef 250 mg/5 ml granulato per sospensione orale (A.I.C. 024227050)

Panacef 750 mg compresse a rilascio modificato (A.I.C. 024227098)
Panacef 50 mg/ml gocce orali sospensione (A.I.C. 024227047)
Panacef 375 mg granulato per sospensione orale (A.I.C. 024227136)

Con riferimento alla determinazione del 13-4-07 pubblicata nella G.U. 93 del 21-4-07 che prevede l’adeguamento del foglio illustrativo delle Specialità in oggetto alle modifiche richieste dall’AIFA e che prevede l’esitabilità fino al 20 luglio 2007 delle confezioni il cui foglio illustrativo non recepisce le modifiche richieste, pregasi prendere nota di quanto segue:


1) le confezioni che recepiscono quanto prescritto dalla determinazione suddetta riportano sull’astuccio il numero di lotto che è preceduto dalla lettera “R” e che termina con la lettera “L” (per es. : R583P1Y1L);
Per le compresse da 750 mg oltre ai lotti con numerazione preceduta da “R” e seguita da “L” è già conforme alla determinazione e quindi già esitabile anche il lotto 0001C7 Scad. Marzo 2010 che non riporta la lettera “R” e la lettera “L”.


2)
le confezioni, non scadute, il cui numero di lotto non è preceduto né seguito rispettivamente dalla lettera “R” e “L” devono, a partire dal 21 luglio 2007, essere prontamente restituite, per la sostituzione, ai Depositari Valeas, seguendo le norme di buona pratica di distribuzione dei medicinali per uso umano.